18082017Headline:

Crolla il “sistema” Crocetta in Sicilia

Sicilian_Flag.svg

Dopo il ripensamento dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, ora tocca al PD ritirare il sostegno al Presidente della Regione Sicilia Crocetta. La rottura è stata ufficializzata in questi giorni con la relazione del segretario siciliano del PD Giuseppe Lupo alla direzione regionale del partito che, tra l’altro, è stata approvata quasi all’unanimità.

Il Pd ritira quindi il sostegno al governo di Crocetta, già alquanto provato dall’allontanamento dei cinque stellati di Grillo, e lo fa senza alcun indugio o ripensamento. Anzi, gli assessori democratici (Nelli Scilabra, Mariella Lo Bello, Nino Bartolotta e Luca Bianchi) sono stati invitati a dimettersi, se indugiano subiranno le ire del comitato dei garanti interni al partito. I motivi della decisione sta alla base del rimpasto in giunta, chiesto dal Pd, ove Crocetta non avrebbe dato seguito.

Fine dell’idillio.

Prendiamo atto che di fatto è il presidente della Regione ad avere preso le distanze dal Pd, e questo ci dispiace molto. In questi mesi lo abbiamo sostenuto con forza e anche in settimana abbiamo proposto un rafforzamento della giunta per aiutarlo a governare meglio la Sicilia che ha tante esigenze. Ora trarremo le giuste conseguenze: non ci riconosciamo più nell’azione del governo che sta commettendo errori gravi, non siamo più vincolati al suo sostengo e saranno gli assessori che si sentono del Pd a trarne le conseguenze. Da adesso valuteremo atto per atto“, recita la relazione del segretario regionale Lupo.

La risposta di Crocetta“Il problema con quel pezzo del Pd che ha fatto votare una cinquantina di persone per togliermi il sostegno è legato solo alle poltrone. Tutto è nato per una questione di poltrone, se qualcuno dice che non è così vuol dire che sono il primo a non averci capito nulla. Purtroppo però è così, perché ho offerto la massima disponibilità a dialogare, mi hanno risposto con degli aut aut, facendo i nomi degli assessori da sostituire, tra cui quello di Luca Bianchi”.

E così crolla anche il “collaudato” modello Crocetta, a meno di un anno dal suo inizio. Questione solo di poltrone o mal governo a prescindere?

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.