21102017Headline:

Dalla Libia l’ipotesi di un’invasione di falsi clandestini?

E’ chiaro che “Mare Nostrum” non ha avuto alcun effetto deterrente sui trafficanti e, inoltre, gran parte degli scafisti arrestati sono già tornati in libertà e al loro classico “lavoro” di sempre. In compenso ha portato in Italia 200 mila immigrati illegali solo nell’ultimo anno favorendo il traffico di terroristi islamici.

Un fallimento della politica italiana ed europea che, dall’illusione dell’accoglienza, ora rischia di diventare un vero e proprio “cavallo di troia” dell’Isis.

Nessuno finora sembra volersi impegnare in una reazione armata contro l’Isis che occupa la Libia, si chiede l’intervento dell’ONU che tarda a pronunciarsi persino sull’Ucraina, come per molti altri terreni di scontro. E la Libia è un nostro primario problema, proprio ora che ampie regioni libiche sono sotto il controllo delle truppe del califfato islamico. E’ innegabile che tale situazione contribuirà a rendere ancor più massicci e cronici i flussi migratori verso l’Italia e nessuna missione di soccorso potrà mai gestire flussi così consistenti di immigrati illegali.

Gli ultimi flussi di immigrati clandestini ce li siamo cercati noi, arrivando fino alle coste libiche per prenderli. Sono tutti uomini, tutti giovani, nessuna donna, bambino o anziano. Nessuna famiglia disperata che fugge dal proprio paese, nessuna speranza di un futuro migliore si legge nei loro occhi, nessuna disperazione.

Solo uomini dagli occhi di ghiaccio, a testimoniare una determinazione che ancora non abbiamo ben interpretato.

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.