22072018Headline:

Il contratto di governo Lega-M5S

L’ilarità che circola sui social, per i tempi allungati con cui si sta concludendo il contratto M5S-Lega, trova il tempo di un post. Sembra che i tempi lunghi siano una mancanza di rispetto nei confronti del Capo dello Stato o degli elettori, invece stiamo assistendo, e per la prima volta in Italia, a una vera e propria rivoluzione.

M5S-Lega trattano in merito a un “contratto di governo” per stabilire insieme le cose da fare e non solo hanno “contato” i numeri necessari per far partire un governo. Se non capiamo la differenza fra questo tipo di approccio politico e quello che precedentemente ha visto il PD allearsi con Verdini e Alfano, allora siamo sempre più un popolo che critica tutto e tutti senza guardare ai contenuti.

Il programma può essere bello o brutto, si sa che in politica c’è chi governa e pensa di fare sempre bene e chi si oppone e pensa che tutto va cambiato, ma è importante la possibilità di conoscere fin da subito cosa intende fare il nuovo governo che sta per nascere. E’ nuovo persino l’approccio con gli iscritti dei due interlocutori: la consultazione del contratto di governo e, quindi, anche l’accordo o meno all’alleanza che si sta per concludere, tra l’altro, pubblicando il testo integrale dell’accordo.

Nei giorni scorsi sono apparsi vari programmi, per lo più bozze poi modificate.

Quello che allego in questo articolo è il “contratto di governo”, oggi sottoposto al voto degli iscritti M5S-Lega, quindi definitivo.

 

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.