20102017Headline:

Il Partito Democratico che vuole Laura Puppato

I candidati alle primarie del centrosinistra al termine dell'incontro televisivo organizzato da Sky, 12 novembre 2012. Da sinistra: Bruno Tabacci, Laura Puppato, Pierlugi Bersani, Nichi Vendola e Matteo Renzi. ANSA / MATTEO BAZZI

All’interno del Partito Democratico c’è chi le larghe intese continua a non digerirle. Formato il governo Letta, la senatrice Pd Laura Puppato ha deciso di presentare un documento che sta distribuendo in questi giorni tra i componenti dell’assemblea nazionale del partito, fra questi lo stesso Civati e tutti coloro che non vogliono sentir parlare di grandi intese e non tollerano l’idea di un esecutivo di unione tra Pd e Pdl.

Il piano della Puppato è semplice: distinguere e differenziare l’azione di governo dall’attività politica del partito ricercando, legge dopo legge, quelle maggioranze condivise che portino avanti i temi cari al centrosinistra, anche fossero contro e in opposizione allo stesso governo Letta, nel quale la senatrice dice di non riconoscersi. La sua idea, quindi, è di fare a meno dei paletti imposti dall’intesa di governo e si vada a cercare consensi tra l’opposizione su temi condivisi, cioè tra i banchi dei 5Stelle e di Sel. In pratica, il concetto, espresso dalla Puppato, vuole “estremizzare” l’assenza del vincolo di mandato previsto dalla Costituzione.

Per la senatrice ora l’importante è “ripartire dagli errori fatti”, senza nascondere “ciò che è stato e le ragioni che hanno portato a un profondo turbamento in molti di noi, nei movimenti e nei giovani attorno al Pd per dire che alcuni errori non si possono ri-commettere ed è opportuno che su questo si faccia chiarezza”.

Inoltre, la senatrice chiede che il partito si scusi con i propri elettori, così platealmente traditi. In calce pubblico il documento di Laura Puppato che verrà presentato sabato, durante l’Assemblea.

[gview file=”http://altritempi.info/wp-content/uploads/2013/05/PUPPATO.pdf” save=”0″ cache=”0″]

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.