21112017Headline:

In arrivo la TARES

TARES“Un prelievo maggiore dalle tasche degli italiani per 14,5 miliardi, dovuto al passaggio da Ici a Imu.

Tassa che dovrà essere pagata, oltre che dalle famiglie, anche da buona parte dagli imprenditori“.

E’ il conteggio realizzato da Confartigianato, che in vista della partita finale sull’Imu ha calcolato l’impatto dei due tributi per imprese e famiglie.

Secondo l’Associazione degli artigiani, nel corso del 2012 gli imprenditori italiani hanno pagato 9,3 miliardi di balzello sugli immobili produttivi. Hanno così contribuito per il 39,1% al gettito complessiva da 23,7 miliardi generato dalla tassa sulla casa l’anno scorso. Dall’abitazione principale è stato raccolto il 17% del gettito totale. Confartigianato aggiunge che dal gennaio scorso l’imposta municipale sui capannoni è ancora più costosa, in seguito all’aumento automatico “da 60 a 65 del moltiplicatore da applicare alle rendite catastali per gli immobili produttivi” scattato a inizio 2013. Il prelievo dell’Imu è così salito dell’8,3%, “491,2 milioni di euro di maggiori tasse per le aziende italiane”.

Passando alla Tares, “l’applicazione del nuovo tributo su rifiuti e servizi provocherà un aumento medio di 26 euro per abitante”, il 17,6% in più rispetto a quanto avviene con le tradizionali Tarsu e Tia. “I rincari della Tares”, spiega Confartigianato, “andrebbero a sommarsi ai continui aumenti registrati in questi anni dalle tariffe dei rifiuti: tra marzo 2012 e quello scorso sono cresciute del 4,9%”. Considerando il periodo della crisi, cioè dal 2008, l’aumento è in doppia cifra: +22,1%, che diventa +56,6% negli ultimi dieci anni. Se si guarda all’Eurozona, secondo le stime degli artigiani le tariffe dei rifiuti sono aumentate dell’11,5% negli anni della crisi e del 32,2% negli ultimi dieci anni, a un ritmo cioè ben inferiore rispetto all’Italia.

Confartigianato specifica che in alcuni casi la nuova Tares – che penalizza maggiormente determinati rifiuti prodotti – sarebbe un vero e proprio salasso: come gli artigiani “della pizza al taglio operanti in piccoli comuni”. Con il passaggio dalla Tarsu alla Tares “subirebbero rincari del 301,1%”. Bastonati anche i pasticceri (+181,7%) e i piccoli produttori di pane e pasta (+93,6%). Per il presidente Giorgio Merletti “gli imprenditori non possono sopportare ulteriori aumenti di pressione fiscale, né l’incertezza su tempi e modalità di applicazione dei tributi”.

Fonte: Confartigianato

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.