20112017Headline:

L’inutilità perenne delle riforme sulle pensioni

In Italia, fra le tantissime riforme inutili, vanno conteggiate anche quelle perenni riferite alle pensioni.

Pensioni

Pensioni? Un diritto in via di estinzione.

Durante gli anni ’70, come la maggior parte dei Paesi occidentali, l’Italia è stata interessata da un forte rallentamento dell’economia a causa della crisi petrolifera (anni ’73-’76) che rivoluzionò la situazione economica del Paese. Lo Stato fu costretto ad affrontare una maggiore spesa per sostenere coloro che non riuscivano a trovare un lavoro e a sostenere le imprese in crisi; ciò ha contribuito a generare una situazione difficile per la finanza pubblica e a determinare un forte aumento del debito pubblico.

Per correre ai ripari l’Italia, alla fine degli anni ’80, ha iniziato a realizzare riforme per correggere il proprio bilancio, basandosi soprattutto sull’inasprimento della pressione fiscale. A partire dagli anni ’90, i vari governi che si sono succeduti hanno attuato riforme strutturali nel settore previdenziale italiano, da sempre in bilico per vari problemi di equilibrio di bilancio e, da allora, i legislatori non si sono più fermati.

Riforme inutili

In Italia, fra le tantissime riforme inutili, oltre all’ultima in ordine di tempo de#labuonascuola, vanno conteggiate anche quelle perenni riferite alle pensioni. Il sistema pensionistico, almeno in Italia, è del tutto fuori controllo e paga più pensioni dei contributi che incassa. Da qui la necessità di una riforma del sistema pensionistico e, ogni volta, il governo in carica ci convince che è per il nostro bene, per quello dei nostri figli e per le generazioni future. Dagli anni ’90 ci dicono sempre la stessa cosa e, infatti, di riforme pensionistiche in Italia ne sono state fatte ben sette: Amato, Dini, il DL 47/2000, Maroni, il DL 252/2005, Prodi e, per ultimo, quella di Monti con la famosa ‘riforma Fornero‘. Da precisare che il nuovo presidente INPS, Tito Boeri, qualche giorno fa ha annunciato la necessità di varare una nuova riforma del sistema. E così arriveremo a otto riforme pensionistiche in vent’anni… ===>>>

Continua a leggere su: blasting_logo25

 

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.